I sens de vite

Nasebon dal stiç di gjaline, brusant
i scjatons
cerçâ la trisculute scuindude,
in scjapinele il bosc
scoltâ l’ongule dal poleâr che sclape il cosul
dal cisaron.
Spandût il cricâ de frice
sot dai dincj
un ciccicâ al ten sù il trâf
se al è chel dai cisilins,
slichignot tai dêts
il sbrissâ dai luvins.
 
No son chescj
magari cussì no
i sens de vite:
viodint ju pierdìn di viste,
cjalant si platìn sot la vieste.
 
Si varès
di scambiâsi di puest
une volte a d’an
cun Nurine dal borc dai Gobès:
jessi vuarps,
disbratâsi de cjavece di sotans.

Traduzione: profumo del bruciaticcio di gallina, bruciando/ la peluria/ assaggiare la fragolina nascosta, / in calzini il bosco/ ascoltare l’unghia del pollice che spezza il baccello/ del pisello./ Spandersi dello scricchiolio del cicciolo/ sotto i denti/ un cinguettio sorregge la trave/se è quello dei rondinini/ viscido tra le dita/ lo scivolare dei lupini./Non sono questi/ purtroppo/ i sensi della vita:/ vedendo si perdono di vista/ guardando si nascondono sotto la veste./ Si dovrebbe/ scambiarsi di posto/ con Norina del borgo dei Gobessi/ almeno una volta l’anno:/ essere ciechi/ liberarsi della cavezza del sottomesso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.