Pelle

Di notte
Grinzosa e bollente
Non ha bisogno di carezze la pelle
Del latte.
Nemmeno quando trema
Sfiorata dalle labbra
O dal loro soffio cortese
Prigioniera
Della tazza sbreccata.

Sarà il sogno, sarà,
Sarà il bisogno che l'interromperà
Domani
Sarà,
è già adesso, domani.

L'altra pelle, quella disarmata,
Si accoccola nel pigiama, 
Richiama
Le coperte e il viso
Esposto al buio
E alle occhiatacce degli incubi,
Vile,
Un po' prima
Invecchierà.

Poesie cjolte dal libri Un cuarp cun dôs lenghis.
Traduzion poetiche di Piel.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.