Zenoi

Ti viodei, 
biele come un gjat in glesie, 
il vert dai voi al piturave la muse interie, 
e la maluserie
s'inviave in scjapinele par un troi
di glerie.
Ti viodei,
ridi nete e sclete
e curiose,
no contentâti di spiâ a la man drete
lis brauris de ledrose
e rose
odorose framieç
midisinis ti viodei
mugnestrâ doprant lis orelis
pipinis e cjavei.
Di lontan, ti viodei,
spiçant i miei
di voi
par cjarinâti il cûl
e olmant
invezit un nûl 
di regjinis e cjistiei
e puescj masse biei
o viodei
rivâ fin tai zenoi.

Notis: Poesie cjolte dal libri “Un cuarp cun dôs lenghis”.
Traduzion poetiche: Ginocchia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.