Cure

Un arbul nol nas
par sei cjadree
ne un roiuç
par sei poce
o sêt de tiere siore
[di claps.
Cîl e mâr
varessin tai voi
se a vessin i voi.
Une bree,
un poç, une canevace,
une cjarande, un orloi,
une tace
no san cjalâ
no àn vût chê gracie e pûr
une
e à sentât Aldon par une vite
che al deve un plat
al puar denant dal puarton,
chel altri
al lavave i bleons di Gjise
muarte tal jet
net vedue bessole
cence spietâ di jessi grise.
E cui un pît, cui un bêç
cui i dêts di ont o pêç o svuirç
cui al plate, cui divît, cui misure
ma ognidun
al cjate il so pês, si cjape cure
di alc o dut o cualchidun.

Traduzione: Un albero non nasce/ per diventare sedia/ ne un ruscello/ per farsi pozzanghera/ o sete di terra ricca/ [di sassi/ Cielo e mare/ avrebbero negli occhi/ se avessero gli occhi/Un’asse/ Un pozzo, uno straccio/Una siepe, un orologio,/ un bicchiere/ non sanno guardare/ non hanno goduto di questa grazia eppure/ una/ ha seduto Aldone per una vita/ mentre dava un piatto al povero/ di fronte al portone/ l’altro/ lavava le lenzuola di Adalgisa/ morta nel letto/ pulito vedova in solitudine/ senza attendere di farsi grigia./ E chi un piede/ chi un soldo/ chi le dita di unto o pece o ralla/ chi nasconde, chi divide, chi misura/ ma ognuno/ trova il suo peso/ si prende cura/ di qualcosa o tutto o qualcheduno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.