Criure

La criùre si plate tai cjamps e 
ven dongje çuetant
clamade o no
clamade
o pont contade
des pocis, dome lôr,
cussì
cun cetante fevele
di rivâ insom
interie la storie,
simpri chê,
dal Unvier, de zulugne, dai crots 
e dai ben vistûts.

Criùre
semene
bocje di lôf, vermene,
pît di strie, vuardi e vene
La tiere, dome jê,
cun cetante fevele
e sta simpri cidine
ombrene, dut câs,
no pues fâ di mancul
di platâ
cui che al sta sot de crôs
e cui daûr de crosere.

Traduzione: Gelo – Il gelo si nasconde nei campi e/ s’avvicina zoppicando/ chiamato o/ meno/o per l’appunto narrato/ dalle pozzanghere, e solo da loro,/così/ con tanta parlantina/ da riuscire a terminare/ la storia interamente, sempre la stessa,/ dell’inverno, della galaverna, dei rospi (nudi)/ e dei ben vestiti.// Gelo/ semina/ dente di leone, verbena,/ rosa canina, orzo e avena/ La terra,/ lei soltanto/ con tanta parlantina/ sempre tace/ ombra, tuttavia,/ non può negare/ nascondiglio a chi è sotto la croce/ e a chi è oltre il crocevia.

Snow ice photo created by wirestock – www.freepik.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.