Schene

A jessi celeste
o verde
e sarès un mâr bas, soreglât
dissegnât suntun sfuei.
Se fos lontane
no rivaressin adore a viodile
picinine masse
e svoladie.
Ma e je nerute
cinise
len 
la schene de favite,
là che braurose la pitore
e intiès parsore, il so cjâf di opare,
ma temerose tant
di concedinus dome la nete
secje strache sclagne 
imagjine
sigurade intune pagjine
e in chel pôc di jê 
che de fature scuasi e je compagne.

E la tô?
No ise forsit nobile
e lontane tant
che i sgrisui che no i poiarìn parsore
nancje nô
cercandui di cjarecis
che ben o cognossìn
la sô cjalde uce e la maniere
di lei bielecis e il so inmatunîsi 
par disvelâ tesaurs dal popul 
ma che no son ricjece vere.
E propit di jê, tal clip fof
dal maioncin, picjade cetant 
sot la codope 
di scugnî voltâsi in doi cuant 
che une e à di zirucâ:
cemût podaressino cemût
stâ cence?

Poesie segnalade al concors “Uno scritto d’amore / Amore ti scrivo”

Traduzion poetiche par talian: Schiena

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.