Bio

Non amo parlare di me: le parole mi piace usarle nei versi. Scrivo in friulano e in italiano. Per trovare la meraviglia non serve andare lontano, come diceva già tanti secoli fa Ermes di Colloredo.

Per info potete scrivere a agnulfurlan su gmail.com

Sonetto

In lode della Signora N.N.

Vo, che pelegrinand mars e päis
Par cerchià maraveis vagais lontan,
Sprezzand ju fluz ondòs da l'ocëan,
Par vedè se al è ver chel che si dìs.
Cà vie vignit, che fals non è l'avis,
Mirait Marine agnul dal cil furlan,
Di nature un miracul sore uman,
Belezze fabricade in Paradis.
Jò m'inchianti a vedele, e dal stupor
Spess jò dìs fra me stess, no pò vè fat
Nature sole un cussì biel lavor.
Ma un pinsir cisicand mi dìs: o mat,
No ti stupì, che un Dio fo chel pitor,
Che di sè stess in je formà il ritrat.

Ermes di Colloredo